Pubblicato il Regolamento 2015/429/UE: introdotto un canone acustico per i treni merci

L’emanazione del Regolamento 2015/429 prende le mosse dalla considerazione che il 10% circa della popolazione europea è esposto a un significativo inquinamento acustico dovuto al traffico ferroviario, soprattutto merci. Nell’ottica della riduzione del rumore alla fonte si intende incentivare, in particolare, la sostituzione dei freni a ceppi in ghisa con freni a ceppi costituiti da materiali compositi, in grado di garantire riduzioni del rumore fino a 10 dB.
 
In esecuzione della Direttiva 2012/34/UE sullo spazio ferroviario unico sono stabilite le modalità di applicazione da parte dei gestori dell’infrastruttura di un regime di canoni differenziati per l’accesso alle linee ferroviarie, basato sul rumore prodotto.
 
I carri conformi al regolamento 1304/2014/UE (“STI Rumore”) dovrebbero essere considerati a “bassa rumorosità”; i carri non conformi dovrebbero invece essere considerati a “rumorosità elevata”. Se, in fase di rinnovamento o ristrutturazione di un carro, quest’ultimo viene equipaggiato con freni a ceppi certificati costituiti da materiali compositi, senza aggiungere altre fonti di emissioni sonore, si presume che i requisiti della “STI rumore” siano soddisfatti.
 
Con riguardo ai canoni, i regimi in essere alla data di entrata in vigore del Regolamento (3 aprile 2015) possono continuare ad essere applicati sino al 10 dicembre 2016.
 

Archivio Notizie
0

Warning: Use of undefined constant en - assumed 'en' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/customer/www/acustica-aia.it/public_html/wp-content/themes/eventchamp/include/user-box.php on line 148